Quante volte abbiamo sentito frasi come:

  • “viviamo in un paese di merda”
  • “siamo un paese di vecchi”
  • “se quello ha fatto i soldi, avrà rubato”

Siamo, purtroppo per noi, un popolo che ha una grave disaffezione verso il proprio paese e verso i proprio concittadini. Il nostro vicino è geloso, resta alla finestra sperando di vederci fallire, per poi dire agli altri che sapeva sarebbe successo.

Se fossimo in grado di fare più “sistema paese” e con un maggiore rispetto, non avremmo rivali.

Un paese ingessato, ecco cosa siamo. Questo è dovuto a una classe politica, che noi stessi votiamo, la quale non riesce a comprendere i cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo attorno a noi.

Pensiamo che chiudersi in noi stessi sia la migliore delle soluzioni, in questo modo però non si agevola l’evoluzione, l’innovazione, la crescita.

Ci raccontiamo che è meglio vivere all’estero, ma, parlando con persone che lo fanno, mi rendo conto che chi vive in altri paesi vorrebbe stare in Italia.

Verissimo, abbiamo una montagna di problemi, ma questi DEVONO essere risolti in un modo o nell’altro, non possiamo continuare a rimandare o fingere che non esistano o peggio, ragionare come se fossero di altri. Dobbiamo rimboccarci le maniche e decidere meglio chi ci deve guidare, rivalutare le nostre risorse, ma, soprattutto, cambiare mentalità.

Stacchiamoci dall’idea che il posto fisso sia la sola e unica soluzione per andare avanti, smettiamo vedere come nostra unica mira quella di andare in pensione. Sarebbe inoltre utile smettere di pensare di poter competere in campi sui quali abbiamo già perso per costi e dimensioni rispetto ad altri paesi, vedi la grande industria, non abbiamo i numeri per supportala. Dovremmo invece focalizziamoci su quelli nei quali certamente siamo vincenti come il turismo, l’innovazione, la tecnologia medica e di precisione e molti altri campi che, purtroppo, snobbiamo in modo palese.

Ci vergogniamo di guadagnare onestamente, abbiamo paura che le persone pensino che rubiamo i soldi. Abbiamo paura che, se siamo sinceri, venga il fisco a portarci via tutto. Pensiamo sia meglio evadere le tasse, perché sono troppe, a scapito di chi le paga permettono a tutti di usufruire degli stessi servizi.

Vediamo sempre una lotta di classe dietro ogni cosa ma alla fine fine è sempre il povero che litiga con il povero.

Dovremmo avere una scuola che prepara bravi studenti non mediocri teste che devono pensare e vedere in un’unica direzione.

Viviamo in un grande paese e abbiamo la fortuna di avere grandi capacità.

Sarebbe ora di riconosce in noi stessi dei grandi abitanti del mondo e smettere di seguire chi punta il dito verso altri dicendo che sono loro l’unico problema che abbiamo.

Il problema più grande dell’Italia, sono gli Italiani, se solo lo capissero ne gioveremmo tutti quanti e non solo chi sfrutta questo sistema per scopi personali.

Roberto Beccari
Latest posts by Roberto Beccari (see all)