PornHub – Experiment

Il 14 di febbraio, PornoHub, ha fatto un regalo a tutti gli innamorati, diciamo che anche i non innamorati sono stati contenti.
Per l’intera giornata ha regalato un Accesso Premium, valore 9,99 Euro al mese, a tutti quelli che si iscrivevano oppure erano già iscritti con un account free.

Ma perché ve lo racconto, penserete.

Sono un fan di PornHub da molti punti di vista, e nessuno di questi è quello che pensate voi, cioè il PORNO. Sono certo che almeno una volta, anche voi, avete curiosato, il sito rende disponibile tanto materiale pornografico fruibile senza necessità di essere registrati.

Sono uno di quei curiosi che ogni anno, agli inizi di dicembre, va a “snicciare” le statistiche annuali che PornHub pubblica con numeri sempre più sbalorditivi. Come appassionato di tecnologia, trovo i dati straordinari e i numeri che fa il sito sono incredibili.

Noi pensiamo come limite ai GB che il nostro cellulare ha a disposizione per la connessione dati, oppure a quanti MB funziona la connessione ADSL di casa.
Se lo usiamo come riferimento per PornHub, nel 2019 è successo che i loro utenti hanno usato qualcosa come 6.597.000.000 di GB per vedere contenuti porno, sì hai letto bene, SEI MILIARDI CINQUECENTONOVANTASETTE MILIONI di Giga. Al giorno sono 18.506.752 GB.

Ecco un piccolo resoconto.

Senza poi contare i dati di dettaglio, quelli sono meravigliosi e ve li lascio fruire in santa pace.

Tornando all’esperimento

Ho colto l’occasione per dare risposte alla mia curiosità, e una domanda in particolare:

Ma cosa ti danno con un Accesso Premium da 9.99€ al mese?
Risposta: Un sacco di altro porno, ma veramente tanto.

Va bene, era evidente che dessero del porno, è un servizio che fa quello, cosa c’è di tanto interessante in questo?

Scusate, so per certo che esistono degli estimatori del genere, probabilmente sono io che semplifico molto e se è così me ne scuso.

Con l’abbonamento di Sky, Netflix o Amazon Prime, ogni mese hai serie TV, Film, Documentari e cartoni animati e in generale, contenuti per tutta la famiglia. Con l’abbonamento a PornHub hai… PORNO. Magari anche contenuti di qualità in HD, ma è sempre la stessa trama, la stessa sceneggiatura, lo stesso inizio e, nel bene o nel male, la stessa fine.

Parlando con amici di questo esperimento, mi è stato anche fatto notare che è molto probabile che l’abbonamento mensile venga fatto saltuariamente e non in modo continuativo. Su questo posso essere d’accordo e risponderebbe alle esigenze dei più, ogni tanto rinnovi l’abbonamento, ti togli un po di voglie e via andare.

Cosa ho trovato

Entrato mi sono trovato una quantità di argomenti per tutti i gusti, tantissimi sotto-siti raggruppati per argomenti pensati per farti trovare quello che vuoi nel minor tempo possibile.

L’esperienza utente è fatta molto bene, leggermente diversa rispetto alla versione free. Hanno tantissimi contenuti ma tutto è fatto in modo da non farti perdere tempo, con al massimo tre click raggiungi il contenuto che cercavi, che questo sia un video, una CamGirl, che restano comunque a pagamento come altri servizi, oppure chat.

Una curiosità

Sapevate che i siti di porno e i siti dedicato al gioco d’azzardo online, sono quelli che investono di più in Ricerca e Sviluppo per l’esperienza utente atta a migliorare la fruibilità degli utenti far perdere il minor tempo possibile per farli arrivare alla, se possiamo definirla così, Call To Action. Sono anche quelli che investono maggiormente in nuova tecnologia e infrastrutture.
Spesso le novità della rete derivano da progetti nati per questo tipo di servizi.

La pornografia

Il porno, in questi anni, grazie a siti come PornHub e affini e a community varie, ha portato in rete un diverso modello di pornografia, più amatoriale. Mi procuro una videocamera e nel giro di poco sono già in rete per migliaia di fans. Questo ha cambiato il modo di fruire i contenuti porno ed ha cambiato il pubblico, sempre più giovane. Il porno amatoriale c’è sempre stato, ricordate le videocassette? La rete lo ha reso più semplice e nello stesso momento ha allargato la platea che, grazie a pubblicità e servizi ad abbonamento, permettere ai nuovi produttori di contenuti di guadagnare.

La pornografia in rete, deve essere affrontata alla luce del sole e non come tabù o qualcosa di sbagliato, come succede nella maggior parte dei casi ancora oggi. I numeri che vediamo mostrano che la fruizione c’è, sarebbe corretto che venisse insegnato come gestire l’approccio al porno in rete per le nuove generazioni, c’è tanto e rischia per molti di diventare una vera e propria dipendenza (già dimostrato), lo trovano senza sforzo facendo semplici ricerche in rete, per questo non possiamo continuare a far finta che non esista.

Le nuova attrici e attori si considerano veri e propri imprenditori e i soldi che girano attorno al porno gli danno ragione. Questa intervista a Danika Mori, che non conoscevo prima di questo video di Freeda, fa capire meglio quello che intendo. La prima frase rappresenta benissimo la società bigotta nella quale viviamo, “…a chiunque lo dici, nessuno ti fa i complimenti…”.

E’ un mondo, dal punto di vista tecnico e sociale molto interessante. A mio parere dovrebbero esserci esperti, qualcosa esiste già, che ti insegnato a capire questo mondo, ne parlano e spiegano come è parte integrante della rete. Un mondo che se viene preso in modo sbagliato può generare molti problemi.

Come dico spesso in questo blog, la rete è molto vasta, il cambio generazionale è sempre più veloce e questo crea problemi a chi affronta in solitaria la rete. La scuola dovrebbe parlare di questo.
Facciamo più attenzione non solo a quello che fruiamo noi ma soprattutto a quello che fruiscono i più giovani. I siti porno sono social network ma con tanti difetti e problemi che, purtroppo per noi, non sono così evidenti. Il video su sito porno è solo la facciata, dietro c’è molto più e ci deve essere maggiore attenzione.

Per concludere.

Da questo PornHub Experiment mi aspettavo di più, pensavo di trovare qualcosa di diverso ma, non avendo idee in merito, probabilmente mi sono deluso da solo. Non essendo un assiduo frequentatore di questi siti, non ho apprezzato appieno la possibilità che mi è stata offerta e non ho capito il valore aggiungo dell’Accesso Premium.

Pazienza.

Roberto Beccari
Latest posts by Roberto Beccari (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: