Starete pensando, partiamo male. Windows Phone è stato un progetto disastroso, ha fallito miseramente, ha stroncato il gigante Nokia (su questo avrei tanto da dire e ci vorrebbe qualche articolo a parte), cosa c’entra questo con Apple e iOS 14?

Come saprete, anche grazie ai vari blogger e youtuber che ne hanno parlato, lunedì c’è stato il WWDC 2020, l’evento che Apple dedica agli sviluppatori per informarli su quello che stanno facendo, di cosa li aspetta e una visione più ampia per l’anno a venire.

Un evento che tutti (soprattutto gli sviluppatori) aspettano, anche i concorrenti ovviamente, per vedere quali sono le mosse di Apple per il mercato e come si possono preparare per quello che verrà. Di solito a questo appuntamento, al contrario di quello di settembre nel quale vengono presentati nuovi computer e dispositivi (IPhone, IPad, ecc.), sono mostrati gli aggiornamenti ai sistemi operativi (iOS, iPadOS, MacOS), cosa cambia, quali sono le novità più importanti che devono essere implementate nelle App che sviluppiamo, le nuove funzionalità, ecc. Tutto per rendere la UX (esperienza utente) perfettamente immersa nelle nuove funzionalità che Apple propone. Alcune volte cambia poco, altre volte cambia molto.

Tutto questo preambolo, e questo titolo, per dire cosa?

Essendo uno sviluppatore di App, seguo ogni anno questo appuntamento, in generale mi interessa capire le novità, perché, come spesso accade, Apple anticipa, e qui viene il bello, quelle che saranno le linee guida che spesso anche altri produttori implementano subito dopo. Da questo punto di vista, Apple guida spesso le tendenze di mercato per la UI o rafforza quelle presenti, forme, colori, stili e molto molto altro.

Seguendo l’evento, ed essendo stato a suo tempo un super fan di Windows Phone, anche se ancora oggi ci sono persone che mi chiedono il perché, ho notato che Apple, che spesso ha dato contro a scelte stilistiche proposte da Microsoft per Metro, divenuto poi Fluent Design, e che sempre di più di recedente ha prese le stesse direzioni, ha reinventato la ruota e preso diversi spunti, dopo otto anni e adattati al suo stile, dalla la home di Windows Phone.

Che ne pensate? Non guardare ai bordi arrotondati, o agli spazi più ampi che guidano da qualche anno le tendenze, guardate alla funzionalità, all’esperienza utente.

Come ovvio che sia, non sono stato l’unico a rendermene conto, The Verge ha subito messo in evidenza questa novità. Le Live Tiles di Windows Phone ora sono diventati i Widget di iOS 14. Se poi andiamo un po’ meno indietro, sei anni circa, notiamo anche che gli spunti sono molto simili ad un concept di Jay Machalani, che per la verità non ha gradito molto la cosa, dal quale prendendo spunto da Windows Phone aveva ridisegnato la sua versione della home l’oramai passato iOS 8, ecco come.

Questo direi che è identico alla nuova proposta, ma da come è stato presentato da Apple, che per queste cose è molto capace e parla a utenti che non hanno memoria, lo ha presentato come una delle novità e idee rivoluzionarie che solo loro potevano venire in mente.

Non ho nulla contro Apple, figuratevi, come ho detto, hanno un brand che corre all’impazzata e sono capaci di tenerlo sempre in pista, al contrario di aziende come Microsoft che continua proporre novità ma non riesce a farli diventare prodotto e tendenza. I Surface sono dispositivi eccezionali ma hanno un mercato di nicchia e i più non li considera. Hanno presentato Surface DUO quasi un anno fa ma ancora non sono stati in grado di metterlo sul mercato, se anche dovesse arrivare nessuno lo prenderebbe in considerazione perché l’hype generato dalla presentazione si è spento. Apple presenta un prodotto, il giorno dopo o la settimana dopo è sul mercato.

Non è la prima volta che Apple incappa su queste finte innovazioni, un esempio è anche la prima interfaccia iOS presa in toto da uno dei primi telefoni di Samsung, con tanto di battaglia legale fina poi con un accordo.

Apple ha un brand forte e resistente, insieme ai widget in home page sono arrivate tante altre cose che sono degne di nota, anche qui alcune già viste in diversi concept, quindi gli utenti non vedranno mai il difetto o la poca trasparenza nel riconoscere le idee.

Trovate in rete una miriade di presentazioni che elencano in modo dettagliato tutte le novità. È già disponibile la versione per gli sviluppatori, per chi lo è, che ho già installato, a luglio sarà disponibile la Beta pubblica.

Quello che posso affermare per certo è che…

Apple rende tendenza qualsiasi cosa tocchi, anche che sono passati anni o non è stata pensata da Apple stessa. Questo, per quanto strano e non sempre corretto, è un valore da riconoscere.

Facciamo innovazione e riconosciamo la creatività.

Roberto Beccari
Latest posts by Roberto Beccari (see all)