La lampada magica di OpenAI

Read Time:6 Minute, 26 Second

Sfrega la lampadata e le risposte verranno a te.

Da qualche mese è l’argomento più discusso e condiviso da chi si occupa di tecnologia, AI e content creator. Ovviamente parliamo di ChatGPT, il progetto chatbot di OpenAI sviluppato sul modello di linguaggio GPT-3.

OpenAI è un’organizzazione non a scopo di lucro di ricerca sull’intelligenza artificiale con lo scopo di promuovere e sviluppare un’intelligenza artificiale amichevole (friendly AI) in modo che l’umanità possa trarne beneficio.

Wikipedia

GPT-3 (Generative Pre-trained Transformer 3) è un modello di linguaggio sviluppato da OpenAI. È una delle versioni più recenti e avanzate di GPT e utilizza una rete neurale di tipo Transformer per generare testo in modo autonomo. GPT-3 è stato addestrato su una grande quantità di testo e ha raggiunto livelli di competenza simili a quelli dei professionisti umani in molte attività linguistiche. È stato utilizzato in molte applicazioni, come la generazione di testo, la traduzione automatica, la risposta alle domande e il completamento automatico del testo.

L’ho chiesto direttamente a ChatGPT

Se ne continuerà a parlare, e tanto. Stiamo scoprendo come, in un mondo dominato dalle informazioni (l’oro nero del nuovo millennio), una AI in grado di generare contenuti di qualsiasi tipo, possa di fatto cambiare tutto. Non è un’esagerazione.

Degli aspetti positivi e negativi di questo cambiamento, paragonabile alla rivoluzione di Internet, dal mio punto di vista ovviamente, ne parlerò nei prossimi articoli dedicati all’argomento.

L’hype è stellare.

Il training fatto su ChatGPT, sembra sia durato circa 11 mesi, si basa su tantissimi contenuti e si ferma alle informazioni presenti in rete fino al 2020/2021. Se fate domande su eventi successivi a quella data non è in grando di rispondere. Non è un limite, semplicemente non auto apprende dalla rete in tempo reale (e speriamo che ancora per un po’ non sia così), è ancora necessario fargli capire cosa leggere, come leggerlo e quale sia il giusto modo di interpretare ciò che gli viene insegnato. Il team di OpenAI ha scelto di dargli in pasto informazioni per poi prendersi il tempo per definire le giuste regole di interpretazione. Il prossimo passo è un nuovo training, nuove informazioni e si continuerà così… fino a quando non prenderà coscienza di sé 😐.

Domanda

La prima domanda che mi faccio, ma non credo di essere l’unico, è… Ma chi spiega ad una AI cosa è giusto o cosa è sbagliato? Non viviamo in una società a pensiero unico, almeno ad oggi.

Cosa posso chiedere a chatGPT

La risposta è tutto ed è possibile esprimere la domanda in diverse lingue, tra cui l’italiano. Per alcuni argomenti ha risposte esaustive per altre deve ancora imparare. Possiamo:

  • Produrre articoli, post, storie, copy, articoli e testi di qualsiasi tipo. Dobbiamo però porre la domanda in modo giusto, non posso chiedergli “scrivi una storia per bambini”, dovrei chiedergli “scrivi una storia per bambini i cui personaggi sono un’anatra e un ippopotamo che stanno in riva ad un lago”, metteteci del vostro. In entrambi i casi, avrete comunque una risposta, ma molto probabilmente nel primo caso diverse persone si troveranno ad avere la stessa storia, se gli suggerite un po di creatività potrete avere la vostra storia personale.
  • Scrivere codice, avete capito bene, scrive codice, supportando diversi linguaggi di programmazione. Possiamo anche chiedere di convertire codice da un linguaggio ad un altro e lo fa bene. NO! questo non ti farà diventare un programmatore, quello che genera lo devi capire per poterlo usare.
  • Farci suggerire idee per i nostri contenuti.
  • Farci tradurre testi in diverse lingue.
  • Approfondire formule matematiche e teoremi
  • Fare ricerche. Google e motori di ricerca “tradizionali” devono preoccuparsi? ne parliamo in un post dedicato perché su questo argomento c’è tanto da dire.

Al momento ci sono limiti, se così possiamo definirli, esempio non è possibile generare immagini, documenti o file. Poco male. Se volete generare immagini potete utilizzare il progetto, sempre di OpenAI, chiamato Dall-E 2.

Per i più smanettoni, come me, ci sono anche le API a pagamento, vi consiglio di darci un’occhiata.

Un esempio…

Una richiesta che tutti possiamo capire, una pagina HTML, l’esempio è utile solo per farvi comprendere quanto sia semplice fare la domanda senza necessità di tecnicismi o altro.

Non ho chiesto nulla di complesso ma la risposta è fatta bene, rispetta la mia richiesta ed ha capito perfettamente quello che volevo. Nei miei test ho fatto richieste più complesse con diversi linguaggi e devo dire che si è comportato molto bene generando codice funzionante nella maggior parte dei casi, alcune volte ho segnalato che non funzionava il codice prodotto e mi ha riscritto il codice corretto. A proposito, ecco come è venuta la pagina HTML.

“Ma allora non c’è più bisogno di programmatori”

Questa è una delle frasi più sentita in questi mesi. Beh! se pensate che essere programmatori sia solo questo, anche se scrivere solo HTML e CSS non significa essere un programmatore, vi deluderò dicendovi che c’è ben altro.

Quello che posso dire è che questo strumento è un acceleratore incredibile per il lavoro di un programmatore e sicuramente, nel tempo, potrà occuparsi di molteplici attività (anche questo merita un post a parte). Trasformerà il lavoro dei programmatori e non solo, le potenzialità sono infinite.

Non solo codice

ho fatto l’esempio di una pagina HTML perché semplice da comprendere, come detto precedentemente, posso chiedere di tutto, sarebbe interessante avere una classifica delle domande fatte a ChatGPT. Scommetto che questa sarebbe tra le prime 10…

Me lo immaginavo, speravo nell’illuminazione :).

Quando hanno chiesto a Sam Altman, il CEO e co-fondatore di OpenAI, quale fosse il loro modello di Business, ha risposto che a tempo debito lo chiederà alla loro AI.

Conclusioni

Trovate milioni di video ed esempi in rete su ChatGPT. Cosa possiamo fare, come possiamo guadagnare, come usarlo per creare programmi, per fare copy, per avere suggerimenti su come scrivere o cosa scrivere, quali sono le migliori ricette per la pizza, ecc. ecc.

È giusto di ieri la notizia che Nick Cave si è arrabbiato perché un utente ha chiesto a ChatGPT di scrivere il testo di una canzone in stile Nick Cave.

I programmatori non servono più? Questa tecnologia potrà sostituire alcuni lavori e figure come le conosciamo oggi, ma trasformerà in modo radicale il modo in cui lavoriamo in diversi settori, non solo nell’ambito della programmazione.

Utilizzerò ChatGPT? assolutamente sì. È un potentissimo strumento e un acceleratore che aiuta in tantissime attività che ad oggi il più delle volte sono ripetitive e noiose. E poi devo conoscerne le potenzialità per usarlo al meglio.

ma…

È un cambiamento positivo o negativo? Nessuno, in questo momento, è in grado di comprendere appieno la portata. Io intravedo entrambi i lati della medaglia e il futuro in tutta onestà mi lascia quale preoccupazione più che altro per le generazioni future, se c’è un’entità che ha tutte le risposte, perché studiare e imparare? Il potete, i governi, la politica. Prima che possiamo rendercene conto saremo obsoleti… mi rendo conto che è molto Black Mirror.

Non è solo ChatGPT, abbiamo AI che guidano macchine, progettano farmaci, ci riconoscono quando passiamo per strada, sono in grado di creare o cambiare volti, scrivono articoli sui giornali che leggiamo, correggono i nostri testi mentre scriviamo, dibattono in tribunale e rispondono ai call center.

Elon Musk quando ha co-fondato OpenAI ha dichiarato di essere preoccupato dell’avvento di una AI che possa prendere il controllo.

Se vi rendete conto solo negli ultimi anni abbiamo iniziato a capire le potenzialità di Internet ma ancora non ne comprendiamo i lati oscuri, questa innovazione sarà ancora più prorompente e sempre meno trasparente ai nostri occhi.

Per questo primo articolo mi sono dilungato anche troppo. Ci leggiamo alla prossima.

Image by Alexandra_Koch from Pixabay
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Roberto Beccari
Latest posts by Roberto Beccari (see all)

Roberto Beccari

Mi chiamo Roberto, da più di 20 anni mi occupo di programmazione e usabilità, inoltre sono un fanatico della tecnologia. In questo blog parlo di quello che faccio, di come lo faccio e descrivo il mio modo di vedere il mondo attorno a me. Se vuoi conoscermi e scambiare idee, la mia mappa è sempre pronta per essere estesa anche alle idee degli altri.

Potrebbero interessarti anche...

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%